Contattaci
CHIUDI
Dicci tutto, siamo a tua disposizione
Hai una richiesta specifica? Ti serve uno dei nostri servizi? Vuoi semplicemente conoscerci?
Stiamo aspettando la tua email: compila i campi qui sotto e ti risponderemo immediatamente.
I campi contrassegnati da * sono obbligatori
Privacy policy*
nuova versione Screaming Frog 12.0

La guida sulla versione 12 di Screaming Frog

Seo , 23 Ottobre 2019
Continua
Categorie/Archivio
Chiudi

Notizie più lette

Classifica dei siti internet Sondrio più visitati
Tutorials & Tips | 05 Ottobre 2017

Quali sono i siti internet più visitati?

Siti internet: i più cliccati sul web Dal 2014 il mondo web ha raggiunto un record di assoluto rispetto: oltre 1,1 miliardo di siti internet sono ...
216
0

Tempo di novità in casa Screaming Frog con la sua  nuova versione 12.0 chiamata "Element 115" che si presenta come una vera e preopria rivoluzione per quello che può considerarsi uno dei migliori software per Seo Audit e analisi di Scraping sul mercato. Già la versione 11.0 aveva introdotto nuove funzionalità molto utili come l'analisi avanzata delle Sitemap e il "Structured Data validation" ma, con questo nuovo release, possiamo dire che entriamo in una nuova dimensione che stagliano Screaming Frog come una dashboard ancora più completa e insostituibile per ogni professionista della SEO sia a lato tecnico sia per il suo costo contenuto (159 €/anno) rispetto a concorrenti sul mercato.

Integrazione PageSpeed Insight: Lighthouse Metrics, CrUX Data

Una degli elementi maggiormente impattanti per Google è rappresentato dal tempo di caricamento di una pagina Web e l'analisi delle performance è una delle attività che giornalmente appartengono alla check list di un professionista della SEO. Grazie all'integrazione delle metriche di PageSpeed sarà possibile ottenere preziose informazioni sulla velocità delle pagine durante la nostra consueta scansione con Screaming Frog. Il tool infatti ha introdotto una nuova Tab dedicata chiamata "PageSpeed" che viene alimentata attraverso le API PSI di Lighthouse e consente di ttenere i dati di Chrome User Experience Report (CrUX) nonchè metriche e opportunità razie ad una diagnostica avanzata.

 

La nuova funzione PageSpeed di Screaming Frog

In base ai risultati saremo in grado di comprendere al meglio le performance degli utenti attraverso i dati del CrUX e debuggare la velocità di ogni nostro contenuto pubblicato per ottenere dati fondamentali in ottica diagnostica per l'ottimizzazione di un sito web o e-commerce. Grazie all'introduzione delle Api sarà possibile evitare il rendering Javascript e lasciare il lavoro pesante all'esterno.

Questa nuova feature è composta da oltre 75 metriche  che potranno essere personalizzabile attraverso il menu sotto la voce "Config -> API Access->PageSpeed Insight-> Metrics". I gruppi di Metriche a disposizione sono state raggruppate secondo questo schema:

  • Overview
    • Total Size Savings
    • Total Time Savings
    • Total Requests
    • Total Page Size
    • Html, Image,Css, Javascript, Font, Media, Third Part Size e Count
  • CrUX Metrics:
    • CrUX Performance
    • CrUX First Contentful Paint Time (in secondi)/category
    • CrUX Input Delay Time (sec)/Category
    • CrUX Origin Performance
    • CrUX Origin First Contentful Paint Time (in secondi)/category
    • CrUX Origin Input Delay Time (sec)/Category
  • Lighthouse Metrics:
    • Performance Score
    • Time to first byte (millisecondi)
    • First Contentful Paint Time (sec)/Score
    • First Meaningful Paint Score
    • Speed Index Score
    • Estimated Input Latency(ms)/Score
    • First CPU idle(sec)/Score
    • Time to interactive Score
  • Opportunities:
    • Elimate Render-Blocking Resources Savings (ms)
    • Defer Offscreen Images Savings (ms)
    • Defer Offscreen Images Savings
    • Efficiently Encode Images Savings (ms)
    • Efficiently Encode Images Savings
    • Properly Size Images Savings (ms)
    • Properly Size Images Savings
    • Minify CSS Savings (ms)
    • Minify CSS Savings
    • Minify JavaScript Savings (ms)
    • Minify JavaScript Savings
    • Remove Unused CSS Savings (ms)
    • Remove Unused CSS Savings
    • Serve Images in Next-Gen Formats Savings (ms)
    • Serve Images in Next-Gen Formats Savings
    • Enable Text Compression Savings (ms)
    • Enable Text Compression Savings
    • Preconnect to Required Origin Savings
    • Server Response Times (TTFB) (ms)
    • Server Response Times (TTFB) Category
    • Multiple Redirects Savings (ms)
    • Preload Key Requests Savings (ms)
    • Use Video Format for Animated Images Savings (ms)
    • Use Video Format for Animated Images Savings
    • Total Image Optimization Savings (ms)
  • Diagnostics (opzionale e non prevista di "default":
    • DOM Element Count
    • JavaScript Execution Time (sec)
    • JavaScript Execution Time Category
    • Efficent Cache Policy Savings
    • Minimize Main-Thread Work (sec)
    • Minimize Main-Thread Work Category
    • Text Remains Visible During Webfont Load

 

Metriche avanzate per le metriche PageSpeed e CrUX di Screaming Frog

Utilizzando questa funzione saranno a disposizione migliaia di dati che devono necessariamente essere analizzati e classificati per poter definire al meglio una strategia di ottimizzazione Seo; in aiuto è possibile utilizzare i diciannove filtri messi a disposizione da Screaming Frog per identificare potenziali miglioramenti sulle performance di caricamento. 

Filtri per analisi della funzione Pagespeed di Screaming Frog

Per visualizzare il dettaglio delle metriche sarà sufficiente cliccare su un URL nella finestra superiore e successivamente sulla tab "PageSpeed". In questo modo saranno visualizzate le "opportunities" per quel specifico URL ordinato in base all'impatto che potrebbe essere ottenuto ottimizzando la risorsa in ottica di risparmio nel tempo di caricamento secondo le metriche di Lighthouse.

 

Dettagli avanzati della funzione Pagespeed di Screaming Frog

Ottenuti i dati dell'analisi sarà possibile esportare tutti i dati in formato "csv" attraverso i vari report proposti da Screaming Frog. Per una prima disamina dell'audit sarà possibile scaricare un "Summary" con tutte le "opportunities" scoperte, il numero di URLs interessati e il risparmio medio e complessivo in termini di dimensioni e millisecondi per generare delle priorità di intervento anche a larga scala.

Report con le opportunità di ottimizzazioni scoperte con la funzione PageSpeed di Screaming Frog

Database Storage

Con la versione 11.00 di Screaming Frog è stato attivata la funzione "Database Storage" che permette di allocare le risorse della scansione su un database fisico in modo automatico ed evitare il sovra allocamento delle risorse sulla RAM. La nuova release ha ampliato i vantaggi eliminando la necessità di dover salvare il progetto con estensione ".seospider". Questa opzione permette inoltre di richiamare i risultati della scansione in modo instantaneo direttamente dal menu "file->Crawl" oltre a poterli rinominare o riorganizzare per cartelle per ottenere uno spazio di lavoro molto più produttivo per ogni professionista della Seo.

Database storage di Screaming Frog

Questa funzionalità permette inoltre di poter esportare tutti i "crawling project" salvati e condividerli con colleghi o clienti in pochi click direttamente dal menu File.

esportazione dei crawl di screaming frog

Configurazione delle Tab di Screaming Frog

La nuova versione 12 di Screaming Frog ha introdotto anche delle nuove funzionalità a livello pratico che facilitano le prime analisi del crawl permettendo di escludere delle tab meno significanti come "Meta Keyword" solamente cliccando con il tasto destro del mouse e scegliendo "close" o escluderele compleamente utilizzando il menu a tendina sulla parte alta della finestra del tool.

Grazie poi al "drag & drop" è possibile cambiare l'ordinamento orizzontale delle tab meno o più rilevanti spostandole verso destra o sinistra per consentire una user experience adatta in ogni fase specifica dell'analisi seo.

esclusione di una tab su Screaming Frog
esclusione definitiva di una tab in screaming frog

Custom Extraction

In progetti molto complessi l'analisi di default di Screaming Frog potrebbe non mettere in evidenza degli elementi fondamentali in ottica di analisi e la funzione "Custom Extraction", già presente in versioni precedenti del tool rappresentava  il Sacro Gral per i professionisti della SEO. In questa versione la voglia inespressa di analisi è stata ampliata a dismisura e le possibili estrazioni personalizzabili sono passati da una decina a ben 100! Quindi amanti delle analisi leggiadre preparate le vostre conoscenze di XPath, CSSSelector e RegEX per scardinare ogni segreto del sito in esame: da oggi non ci sono più scusanti!

Per iniziare ad utilizzare i "Custom Extractors" sarà sufficiente andare su Menu->Configuration->Custom->Extractors e cliccare su "Add" per ogni nuovo "estrattore" necessario alla propria analisi.

utilizzo del custom extractor in screaming frog
100 estrattori custom in screaming frog

Il nuovo Custom Search

Screaming Frog, già nelle sue verisoni precedenti, prevedeva la possibilità di trovare qualsiasi cosa all'interno del "Source code" del sito web in esame attraverso un ricerca RegEX. Con il nuovo release questa funzione è stata separata da "Extraction tab" e permette di avere fino a 100 filtripermettendo di combinare i dati e soprattuto esportare questi dati  in modo molto più significativo. 

Il nuovo search filter di Screaming Frog

Redirect Chain Report

Una delle maggiori criticità che si possono verificare dopo una migrazione di un sito web di grosse dimensioni è rappresentata dal loop di links o di situazioni in cui siano presenti  2,3 redirect consecutivi prima di raggiungere l'Url di destinazione. Questa situazione, già nel breve tempo, divora il "crawling budget" dello Spider del Motore di Ricerca e, di conseguenza, mette in stallo il posizionamento organico o lo porta ad essere penalizzato.

Fra i report di Screaming Frog questa apocalisse poteva venir gestita con il report "Redirect & Canonical Chains"; con la versione 12 questa feature è stata migliorata ulteriormente permettendo di esportare "All Redirects", "Redirect Chain" (solamente i redirect con 2+ redirects) oppure Redirect & Canonical Chains’ (2+ redirects, oppure "canonicals" in una catena).

report di redirect e canonical chain in screaming frog

Conclusioni sulla versione 12 di Screaming Frog

Screaming Frog non finisce di stupirci e questo release aumenta, di molto, secondo noi la validità del tool. Per chi non l'avesse ancora provato lo consigliamo vivamente per iniziare al meglio le analisi e ottimizzare, per davvero, il posizionamento organico di ogni sito web o e-commerce. In caso di novità vi terremo informati! Buon CRAWL a tutti.

 

--> Scarica la versione 12 di Screaming Frog.

 

Credits: immagini sito web "Screaming Frog"

Lascia un commento

Privacy policy
Tutti i campi sono obbligatori